Vivendo nella campagna cinese per diversi anni a studiare il NeiJiaQuan mi è capitato più volte di dover combattere per difendere l'”appartenenza” alla scuola o semplicemente per superare alcuni esami: per passare di livello a volte bisognava confrontarsi marzialmente con altri allievi.
Ovviamente ci sono regole durante i “combattimenti” a mani nude per esempio, quella di non colpire i punti vitali del compagno, di non colpire con le dita, di non colpire in faccia o sul collo ma nonostante tutto questo, ci si fa male comunque sia che si vinca sia che si perda.
In Cina ogni marzialista ha un maestro o un medico di fiducia in grado di aiutarlo quando si fa male.
Se non si è più che attenti, capita che anche solo col TuiShou mentre ci si allena coi compagni della stessa scuola ci si può rompere una costola o inclinare una vertebra, a me al tempio è successo più volte di farmi male.
Una persona capace di aiutare a guarire l’infortunio subito attraverso infusi di erbe, agopuntura o manipolazione tuina o l’auto-capacità di auto-guarirsi attraverso il QiGong o anche la capacità di farsi da solo dei massaggi e infilarsi degli aghi nei punti giusti è d’estrema importanza per un marzialista.

medicina_tradizionale_cinese_21

So bene cosa significhi farsi male, nel mio percorso in Cina ho lottato con diversi allievi dei miei maestri e accettato sfide marziali con praticanti di altri lignaggi e scuole: so bene che anche quando si vince si finisce quasi sempre all’ospedale perché il combattimento dell’arte interna (a mani nude e studiato per uccidere) quando viene messo in moto diventa davvero un arma temibile e “non si va per le leggere”. Le leggi che in Cina determinano la scuola più prestigiosa sono molto severe e durante gli scontri per la “supremazia dello stile” non se ne esce facilmente illesi. Lo sport da combattimento ha delle regole e dei punteggi mentre invece l’arte marziale ha come “scopo” quello di finire l’avversario nel minor tempo possibile ed in qualsiasi modo.

Per questo motivo molti marzialisti si affidano a medici esperti e capaci anche nel QiGong (in teoria tutti gli agopuntori e massaggiatori comprendono ovviamente i meridiani energetici e il corretto scorrere del Qi all’interno di essi).
Nel passare del tempo a Beijing, grazie ai maestri di NeiJiaQuan, trovai diversi dottori molto competenti uno tra i quali era conosciuto per la sua ottima “pranoterapia” cinese (ogni mattina si alzava alle 5 e praticava 3 ore di QiGong medico e ZhanZhuang prima di esercitare sui pazienti), il suo nome è dott. Huang. Alcuni tra i miei più amici lo conobbero quando vennero in Cina a trovarmi e ormai in quanto taoista, si è ritirato anche lui come tanti miei maestri di Kungfu tra le montagne delle periferia estrema di Beijing per quello che viene chiamato “il grande trapasso” o “morte consapevole”. Ora mi affido a tre grandi amici, giovani ma molto in gamba che sono ricercati da personaggi famosi e politici per la loro bravura.

Il comune di Beijing ha dato loro una struttura per una clinica privata e all’avanguardia (sempre però della MTC) e ora sono riconosciuti dalle più alte cariche politiche e molto ricercati da personaggi influenti (attori e media), sono anche gli unici in grado di avere le stesse medine tradizionali (erbe e radici) che solitamente hanno solo gli ospedali statali come il BeiYiSanYuan e il ChaoYang YiYuan.

medicina_tradizionale_cinese_09

Uno di loro è un esperto agopuntore (che utilizza aghi sia corti che lunghi) che anche se molto giovane è però l’unico discepolo riconosciuto del grande maestro dott. ZhangShenDao, gli altri due dottori sono esperti di TuiNa taoista e anch’essi discepoli di maestri famosi.  medicina_tradizionale_cinese_11

La tecnica di questi miei amici dottori è quella tradizionale insegnata a loro dal maestro che li ha resi discepoli ufficiali dello stile di TuiNa taoista di famiglia. Nella lingua cinese dire “tuina” è come dire “kungfu” e come ci sono mille stili di (“kungfu” che significa “abilità marziale”) ci sono anche mille modi di esercitare il “tuina” (che cmq significa “massaggio” letteralmente “spingere e prendere”). Come ci sono divere pratiche marziali di origine taoista (quali TaiJiQuan, BaGuaZhang, YiQuan, XingYi e altri stili di NeiJiaQuan più sconosciuti) ci sono anche diversi modi di praticare il massaggio taoista, si chiama difatti taoista semplicemente perché nasce dalla filosofia e visione strutturale ed energetica della cultura taoista, ci sono quindi diversi tipologie di pressioni (quindi diversi tipi di massaggio taoista) perché significa appunto che è un massaggio che rispetta le leggi della visione taoista dell’essere umano quindi troviamo i principi 5 elementi, i meridiani, i centri energetici quali DanTian ecc ecc.

Nella MTC e nel QiGong si dice “Se il qi dei reni è abbondante, tutte le malattie vengono sconfitte” quindi sia nell’autoterapia evolutiva che nella madicina tradizionale mettiamo una forte attenzione ai reni e alla “pancia”. il rene sinistro controlla lo yin del corpo, mentre invece quello destro controlla le energie yang. Il rene sinistro governa i 6 visceri: ovvero stomaco, cistifellea, intestino crasso, intestino tenue, vescica e triplice riscaldatore. Il rene destro invece i cinque organi principali: fegato, pancreas, cuore, polmoni e reni). Quando gli organi si formano nel feto sia testicoli che ovaie sono vicini ai reni, in profondità dentro l’ombelico, cosi’ i reni sono strettamente connessi con l’energia “creatrice” dell’uomo. Se i reni sono disarmonici tutto il corpo è privo di energia ma il contenitore più potente della macchina biologica è sicuramente la pancia, il DanTian (oceano del Qi). Il DanTian è il centro del corpo e la parte che dev essere coccolata e stimolata più di tutte.
medicina_tradizionale_cinese_15
Sono tutti e tre anche praticanti di QiGong ed esperti nell’ascolto del polso (una delle pratiche più avanzate della medicina tradizionale cinese). L’ascolto del polso è una delle pratiche mediche più antiche e difficili della medicina tradizionale cinese, richiede decenni di esperienza e dedizione assidua e continuativa per essere utilizzata a dovere oltre che un ottima conoscenza del Qi.

La Medicina Tradizionale Cinese considera ogni parte del corpo in relazione con tutte le altre parti, il naso per esempio è collegato al Polmone attraverso anche al suo meridiano ed ha una relazione anche col Grosso Intestino attraverso il punto hegu; attraverso il polso il medico cinese può comprendere tutte le vibrazioni dei meridiani e quindi le funzioni vitali di tutti gli organi. Nel caso dovesse sentire vibrazioni non equilibrate (che creano o possono creare malattia) allora decide come intervenire. Le unghie possono riflettere la condizione delle energie di Fegato, così come osservando la lingua si possono valutare Organi e Visceri, il corpo secondo la MTC è tutto collegato e per questo anche nella pratica personale del QiGong YangShen si lavoro tutto l’essere e non la zona specifica. I medici cinesi oltre che all’aiuto esterno forniscono anche un aiuto interno dando medicine non di case farmaceutiche ma create da loro stessi, medicina create apposta per il “paziente” ; infusi medici adatti solo a lui dopo l’ascolto del suo polso da parte del dottore. Il corpo quando sta male è come uno strumento scordato e il medico è colui che ha il compito di ricreare l’armonia perduta attraverso il trattamento dei meridiani e i punti energetici, una volta che la “macchina biologica” è “accordata” allora il corpo riuscirà da solo a risolvere il problema, a risolvere la malattia.

Per questo l’associazione Beijing Yiquan Training Center attraverso la mia esperienza, ha deciso di portare in Italia i metodi di auto guarigione e benessere che ho imparato in Cina. Per la terapia si propone il massaggio taoista . un modo di praticare il TuiNa usando il potere del Qi abbinato alle tecniche manipolatorie legate ai “cinque elementi” e al “canale del fuoco”.

PACCHETTO di FORMAZIONE -MASSAGGIO TAOISTA-
1. Tecniche di manipolazione e manovre tipiche del massaggio taoista
2. Esercizi di QiGong per amplificare il proprio stato di salute ed energia interna
3. Esercizi di QiGong per imparare a non disperdere energia dopo ogni massaggio…
4. Meditazione, “tocco cosciente” e “ascolto sensoriale”
5. Esercizi di rafforzamento delle mani per ottimizzare le pressioni e le manovre
6. Possibile esperienza lavorativa/formativa a BeiJing in Cina

Per maggiori informazioni e per iscrivervi al coro di massaggio Taoista contattateci sulla pagina facebook dedicata CLICCANDO QUI