Wingchun CHUM KIU and SIUNIMTAO tutorial

Wingchun CHUM KIU and SIUNIMTAO tutorial

Chum Kiu è il nome cantonese della seconda forma di wingchun.

Ogni lignaggio ha una sua particolarità e spesso in occidente i lignaggi più conosciuti sono delle ramificazione del lignaggio del famoso Ipman ma in cina popolare e in periferia di hongkong ci sono non solo altri rami di wingchun ma addirittura altri alberi e di diversa specie. Il nostro wingchun si perde nei tempi e attualmente è custodito dal maestro shaolin De Long.

In molti conoscono i sistemi commerciali di shaolin dove si vedono mille forme spettacolari condite da salti mortali e piroette ma al di là delle esibizioni che cercano un numero vasto di studenti per fare cassa, il buddismo zen ha ancora dentro di se lo spirito di un tempo e c è un settore shaolin che detiene gli stili “segreti” e tra questi c è anche questo lignaggio di wingchun che è al 100% una forma di Qigong.

Non basta ovviamente muoversi lentamente ma bisogna sapere dove direzionare il Qi e lo Yi perchè saranno questi ultimi a muovere il corpo e quindi Saranno loro a dar  vita alla sequenza della forma. In questo wingchun non ci sono pugni a catena ne sezioni, ma “solo” meditazione, Qigong, tuishou-chisao libero e combattimento.

Da Wilkipedia:

La Cham Kiu (in cinese tradizionale 尋橋; semplificato 寻桥: in Italiano braccia che cercano, oppure: braccia-ponte) è una forma a mani nude del Wing Chun, insegnata solo dopo aver appreso la Siu Nim Tau (la prima “forma”).

La Cham Kiu è una forma dinamica: contiene passi, combinazioni simultanee di movimenti sulle gambe e tecniche di braccia, ed è l’unica forma a mani nude dello stile che contiene calci, introducendo l’allievo al principio della contemporaneità; in realtà già nell’ultimo set della prima forma l’allievo comincia ad utilizzarlo facendo, però, tecniche diverse.

Prima della Cham Kiu invece abbiamo la “XiaoNianTou” (pronuncia mandarina)che a differenza della ChamKiu enfatizza ed esercita il lavoro esclusivamente delle braccia. Il wingchun del maestro De Santis è il frutto di una ricerca decennale dell’arte interna. Sono stati i monaci amici del suo maestro di Yiquan ad averlo chiamato perchè questo tipo di wingchun ha lo stesso motore dell’yiquan e come base ha lo stesso Qigong, la differenza sta nel fatto che durante la JianWu si può “dividere” il corpo in “sezioni” e quindi avere : una forma che si occupa della cristallizzazione (tramite il Qigong)delle braccia (quindi il principio di Yi shen Qi li viene utilizzato maggiormente nelle braccia) poi viene utilizzata una forma che aggiunge le gambe (appunto la Cham Kiu) e per ultimo una forma he utilizza il tronco ed uni e gambe e braccia, tornando così a praticare la JianWu con tutto il corpo.

Per forma dai intende un Qigong che mette attenzione a quella sezione del corpo per poi tornare con la JianWu a tutta la gestione dell essere col DanTian. Questo Qigong lo si fa dopo aver imparato il zhanzhuang lo shili il mocabu classici. La forma xinshen di taijiquan è invece un “consiglio di movimento dello spazio”. Attraverso la forma impariamo ( grazie all esperienza millenaria di altri che, prima di noi, hanno dedicato la loro vita all alchimia e all arte marziale) a muoverci nello spazio e quindi gestire le forze interne per i mille spostamenti che la tua macchina biologica può effettuare nello spazio per modellarsi ad un attacco di un “nemico”. La forma ovviamente è come un “dettato” scolastico che viene insegnato dalla maestra per insegnarti a scrivere e usare i verbi e aggettivi corretti nel momento giusto …ma poi come ognuno di noi avrà imparato a scrivere e manifestare le proprie idee scrivendo liberamente (e non più copiando ciò che altri hanno scritto) anche nel taijiquan della bytc, la forma supererà se stessa nella non-forma, cioè tornerà ad essere una JianWu libera di esprimere se stessi in piena naturalità. Qui sotto torniamo invece alla “piccola idea” della xiaoniantou del wingchun interno imparato dal maestro De Santis coi monaci ed introdotto nel programma BYTC perchè non in contrasto col sistema.

Omino di legno

come si usa l’omino di legno ? Ogni scuola ha una sua forma e i suoi principi per la pratica dell omino di legno, le scuole non sono tutte amiche come si vorrebbe qui in occidente per una questione di “io ti dico a te ciò che so io e tu fai lo stesso con me dandomi informazioni riguardo le tue ricerche” perchè in realtà in cina vigeva e vige tutti ora (nell ambiente reale marziale) “vita mia morte tua”. Quindi come si usa l’omino di legno ? Quali sono i vantaggi di usare l’omino di legno ? Ovviamente ciò che tutti sanno è che con l’omino di legno si studiano gli angoli d entrata e uscita e i passi. Ma un maestro ha davvero bisogno della tecnica o invece gli basta il Fali per annientare il nemico ?

Bastone vs Coltelli a farfalla

Coltelli a farfalla. Il wingchun è un sistema di difesa molto particolare e avvolto sia dal mistero che da tanta relativa confusione, i coltelli a farfalla vengono usati spesso in modo non funzionale come d’altronde molto “sezioni” di leongTing che per rendere questo sistema “commerciale” per la “massa” ha dovuto creare un metodo di approccio molto infantile ma allo stesso tempo super razionale (se lui fa così io faccio così e ripeta all infinito la sezione in modo da farla diventare abitudinale), i coltelli a farfalla (butterfly swords) sono considerati l’arma del wingchun mentre invece è un introduzione recentissima in questo sistema e non ha nulla a che vedere con la terza forma a mani nude (questo perchè in tanti pensano che la terza forma derivi dai 2 coltelli a farfalla).

Un aspetto abbastanza imbarazzante, è che da HongKong è arrivata l’idea che i cinesi praticanti guerrieri del wingchun, in passato paravano gli attacchi di bastone con le due lame dei coltelli a farfalla …per poi scivolare dentro la guardia dell avversario tagliandogli la mano. Assurdità completa secondo qualsiasi praticante di doppia spada e spada singola.

Nel video il mestro De Santis non mostrerà come usare il bastone ma solamente cosa non fare coi coltelli a farfalla…come non parare con le lame e perchè

ZhanZhuang e Intenzione

ZhanZhuang e Intenzione

Il ZhanZhuang e’ oggetto di mille discussioni e non tutti sanno come davvero allenarlo perche il 99% dei praticanti, pensa ancora che basti ricercare il fangsong (tradotto dome rilassamento) all interno della posizione, per porter accedere ai benefici di questa antica disciplina.
Ormai praticato da ogni maestro di arti marziali tradizionali, il ZhanZhuang e’ (anche se apparantemente la disciplina piu’ semplice del repertorio dell alchimia taoista) una tra le piu’difficili pratiche energetiche da studiare e praticare (anche per gli “avanzati”), in quanto e’ )la mente YI che comanda e il corpo (SHEN sipirito e SHENG corpo) che segue (quindi lo Yi muove lo SHEN e il SHENG), la mente e’ libera e attraverso il rilassamente e il risveglio energetico, riceve la conoscenza delle “regole” su cui l universo si appoggia: regole energetiche e spirituali che portano il praticante verso la via della salute (capacita’di mantenere nel tempo, un benessere psico-fisico che porta la “pace degli organi”)
Vi sono diverse arti marziali che fanno riferimento al ZhanZhuang ma in 20 anni di ricerca assidua in Cina, ho conosciuto solo 6 persone in grado di insegnarlo bene e con chiarezza, persone che nonostante l eta’ avanzata, stavano sicuramente meglio di qualsiasi altro giovane.
Il ZhanZhuang non e’ stare rilassati in FangSong per ore e ne tantomeno e’spostare il corpo in “avanati, in chiusura e in altro” e poi “indietro in apertura e in basso” come tanti pensano perche’ i 4 maestri di YiQuan piu’commerciali del globo insegnano cosi’….il ZhanZhuang e’un QiGong difficilissimo da praticare e strettamente legato alla MTC.

Those unfamiliar with Zhan zhuang can experience severe muscle fatigue and subsequent trembling at first. Later, once sufficient stamina and strength have been developed, the practitioner can use Zhan zhuang to work on developing the sensation of “opposing forces,” as well as one’s central equilibrium and sensitivity to specific areas of tension in the body.

Zhan Zhuang has a strong connection with traditional chinese medicine Some schools use the practice as a way of removing blockages in Qi flow. This blockage removal occurs because Zhan zhuang, when correctly practiced, has a normalizing effect on the body. Any habitual tension or tissue shortening (or lengthening) is normalized by the practice, and the body regains its natural ability to function optimally. It is thought that a normalized body will be less prone to muscular-skeletal medical conditions, and it is also believed that Zhan zhuang, when practiced for developing relaxed postures, will lead to a beneficial calming effect. The DanTian is also involved in the practice of Zhan zhuang.
info http://www.yiquancenter.com

WingChun di ShaoLing

WingChun di ShaoLing

Il WingChun del maestro De Long rispetta i principi delle arti marziali interne di origine esoterica.
Dopo 20 anni di ricerca in Cina ho trovato questo “sistema” di allenamento “psico-fisico” molto simile al lavoro che svolge lo YiQuan e il XinShen Taiji.
La Prima Forma chiamata XiaoNianTou (o SiuLimTao in dialetto cantonese) significa: “Xiao=piccola, Nian=pensiero, idea, lavoro mentale, intenzione, Tou=capo, testa, punto di partenza”.
La XiaoNianTou lavoro principalmente sui meridiani delle braccia (estremita’superiori del corpo) mentre la Seconda Forma sulle gambe (estremita’ inferiori) e la Terza Forma sulla schiena (anello che collega braccia e gambe formando un “Zhenti”=unita’corporea e “mente unica” che comanda il corpo).
Nella XiaoNianTou di questo WingChun troviamo 10 sezioni di movimenti (con principi differenti) e il numero 3 e’ ripetuto sempre in quanto numero “magico” per l’esoterismo e lo “Yi-Jing”.
A BeiJing abito a SanLiTun e a due passi dalla casa del maestro di WingChun WangZhePeng, il fratello di WangZhePeng lo portai in Italia anni fa perche’ esperto di YiQuan e quindi gli feci tenere una relazione sulla differenzaa tr WingChun e YiQuan ma quel tipo (lignaggio) di WingChun e’ assolutamente differente dal WangChun di Shaoling del maestro De Long. Il WingChun di De Long non e’ fisico ne necessita di un allenamente cardio fitness o muscolare (come altri stili di WingChun) ma e’ QiGong al 100%.
il Terzo il Quarto e il Quinto movimento della Prima Forma (XiaoNianTou) tende a proteggere e fortificare cio che qui in occidente ormai chiamano aurea nei tre anelli principali (basso, medio, alto). Il Settimo e Ottavo movimento rispecchiano il Cielo e la Terra e tutti i movimenti e loro simmetri sono correlate allo Yi-Jing e alla ripetizione strutturale della medicina cinese (una sorta di movimente energetico interno, che se ripetuto tot volte ha una sua efficacia sulla materia manifestata dalla vibrazione stessa dell-energia).
Questo WingChun non usa i famosi “pugni a catena” ma studia il Fali (esplosione di energia e forza) ma per “esplodere di energia” bisogna prima essere “pieni di energia” e quindi, lo studio del Qi Gong e’di fondamentale importanza.
Non ci sono le “sezioni” e “mosse” ma solo studio della Forma (che e’un vero e proprio QiGong) per cortruire una struttura sana e forte, capace di adattarsi alle circostanze piu assurde della vita (e agli attacchi del “nemico”).
Quindi tutto molto simile allo ShiLi dello YiQuan e quindi molto interessate per gli studiosi di esoterismo taoista e NeiJiaGong.